FIRMATA LA CONVENZIONE TRA QUANTA E FONDAZIONE LAVORO

11 Dicembre 2019

Milano, 11 dicembre 2019Fondazione Lavoro e Quanta hanno siglato oggi una convenzione che consentirà ai Consulenti del Lavoro di proporre la somministrazione di lavoro temporaneo come alternativa ad altre forme di assunzione, nel rispetto della normativa e delle direttive europee.

A ratificare la partnership, una firma apposta in calce al documento e la rituale stretta di mano tra Vincenzo Silvestri, Presidente di Fondazione Lavoro, e Carlo Scatturin, vice Presidente e Country Manager di Quanta, a margine del Convegno a tema “Contratto a tempo determinato e somministrazione”, che si è tenuto presso la sede milanese di Quanta.

“La nostra rete di Consulenti – ha dichiarato Vincenzo Silvestri – ha ora un’opportunità in più per allargare la filiera e offrire ai propri clienti uno strumento importante in aggiunta a quelli tradizionali di intermediazione. E’ un valore aggiunto, un’utile sinergia che risponde alle esigenze di flessibilità del mercato”.

“Si tratta – ha aggiunto Carlo Scatturin – di mettere a fattore comune le esperienze di chi opera nel mercato del lavoro con l’obiettivo di ridurre la distanza tra domanda e offerta. Agenzia per il lavoro e Consulenti sono soggetti per natura vicini alle imprese: l’intento comune è di generare valore, adattandosi al complesso e mutevole contesto normativo”.

Quanta proporrà il servizio di somministrazione di lavoro temporaneo ai clienti presentati dai Consulenti del Lavoro e contribuirà alla promozione della convenzione, mettendo a disposizione il proprio know-how a supporto dell’accordo.

ARTICOLI CORRELATI

DECRETO “RILANCIO”: ACAUSALITA’ DEL CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO

Com’è noto, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge, “Rilancio”, n.34/2020. L’art. 93 del Decreto introduce una deroga, […]

Come si affronta un video colloquio?

Siete pronti ad affrontare un video colloquio? In questi tempi particolari, è diventato uno strumento di selezione imprescindibile. Ma era […]

Su